Maine Troop Greeters: A Short History

Tutto è iniziato in una mattina d’inverno nel 1991, dopo che un grande e vivace gruppo di cittadini si è recato all’aeroporto internazionale di Bangor per accogliere i carichi di aerei di ritorno dall’Operazione Desert Storm. In quel primo di molti giorni a seguire, Kevin Tillman, un sergente dell’esercito con la 82a divisione aviotrasportata, preso in prestito sassofono di uno studente John Bapst Memorial High School durante una sosta di rifornimento e consegnato una versione da brivido di “The Star Spangled Banner”.
Al calar della notte dell ‘ 8 marzo 1991 la performance di Tillman era stata trasmessa in tutto il mondo, spingendo Bangor, Maine e i volontari più tardi conosciuti come i Maine Troop Greeters alla ribalta.

Un’altra guerra e quasi un milione di truppe più tardi, i saluti dell’aeroporto continuano. Non importa l’ora, i membri di tutti i rami dell’esercito americano e dei nostri alleati hanno la certezza di una stretta di mano, l’uso di un telefono cellulare gratuito e un biscotto mentre passano attraverso l’aeroporto della città. Molti sono diretti da e per l’Iraq, come parte dell’Operazione Iraqi Freedom, così come altri punti caldi in tutto il mondo.

I Maine Troop Greeters sono stati ufficialmente incorporati come organizzazione senza scopo di lucro registrata nel 2008. Il gruppo ha concordato su questo principio guida: “La missione dei Greeters delle Truppe del Maine è di esprimere la gratitudine e l’apprezzamento della Nazione alle Truppe, per coloro che vanno oltreoceano per un ritorno sicuro e per coloro che tornano per un ritorno a casa gioioso e per rendere il loro (si spera breve) soggiorno a Bangor il più confortevole e piacevole possibile.”

I saluti delle truppe di Bangor possono essere suddivisi in quattro sezioni:

  1. Operazione Desert Storm: Dall ‘ 8 marzo 1991 all’agosto 1991. L’accoglienza delle truppe è cresciuta per tutta la primavera e l’estate, in una sola volta superando 1.500 persone per incontrare un singolo volo. La Camera di commercio di Bangor e l’aeroporto internazionale di Bangor pubblicizzarono gli orari di arrivo dei voli e insieme al capitolo di Bangor della Croce Rossa americana organizzarono tavoli di cibo volontario e risposero alle preoccupazioni delle famiglie dei membri del servizio. I posti VFW e American Legion insieme alla leadership della Città di Bangor, hanno incontrato gli oltre 200 voli. Area Bande delle scuole superiori hanno incontrato molti dei voli e le imprese della zona e civili allo stesso modo fornito cibo e oggetti per le truppe insieme con i loro saluti. Questa grande effusione di affetto e grazie per le nostre truppe è stata commemorata in due romanzi pubblicati da autori locali.
  2. Post Operazione Desert Storm: agosto 1991 fino all’estate del 1992. Nel tentativo di fornire la chiusura ad un intenso cinque mesi di saluti delle truppe, amministrazione dell’aeroporto ha concluso la truppa ufficiale Accoglie con una cerimonia pubblica nel mese di agosto 1991. Tuttavia, l’aeroporto ha accettato di estendere il benvenuto nell’estate del 1992 in risposta alle preoccupazioni dei greeters che molti voli militari non venivano soddisfatti.
  3. Saluti intermedi: 1992-1996. Questo è il ponte tra le operazioni Desert Storm e Iraqi Freedom. A mantenere viva la fiamma all’aeroporto internazionale di Bangor c’erano quattro soldati di truppa, guidati dal veterano della guerra di Corea Everett Steele. Durante la pausa tra le due guerre del Golfo, il quartetto ha incontrato quasi ogni volo militare che passava attraverso Bangor. Dopo il 1996, il gruppo si sciolse, ma i membri sopravvissuti si riunirono nel 2003 durante i saluti della seconda guerra del Golfo.
  4. Operazione Iraqi Freedom: 12 dicembre 2002 fino al presente. Come dimostrazione di sostegno alle truppe della nazione, i cittadini sbandieratori, sia ex che futuri Greeters delle truppe del Maine, si radunarono lungo Hogan Road a Bangor, nel Maine nel dicembre del 2002. Il 19 aprile 2003 iniziò la seconda guerra del Golfo e alle 2: 00 PM del 3 maggio 2003 iniziò il primo saluto ufficiale dei voli delle truppe irachene per la libertà all’aeroporto internazionale di Bangor mentre le truppe entravano a rotazione dal Golfo Persico.

Proprio come con il Desert Storm welcomes un decennio prima, i greeters includevano gruppi di veterani e cittadini comuni, che erano avvisati degli arrivi dei voli delle truppe attraverso un albero telefonico volontario. Interesse costruito nella rete troop greeter per tutta l’estate del 2003 a causa dell’aumento dei voli di truppe quasi giornalieri. La società Unicel locale ha iniziato a donare telefoni cellulari e minuti gratuiti per l’uso da parte delle truppe e la società cellulare statunitense locale ha seguito l’esempio in 2004. Il locale Sam’s Club continua a donare migliaia di biscotti ai greeters per le nostre truppe e il nostro locale Wal-Mart, Hannaford, Shaw e la Legione americana hanno anche fornito cibo e oggetti come “Build-A-Bears” per le nuove mamme e papà.

Storia scritta da Richard Shaw

Anziani in America

La popolazione degli Stati Uniti, come quelle di altre nazioni industrializzate, è invecchiata costantemente negli ultimi decenni. Ciò è in gran parte dovuto a cambiamenti demografici e miglioramenti nell’aspettativa di vita many molti membri della generazione del Baby Boomer sono sull’orlo del pensionamento e i miglioramenti nell’assistenza sanitaria durante il 20 ° secolo hanno esteso significativamente la durata della vita media. Allo stesso tempo, il tasso di fertilità è diminuito. Le proiezioni della popolazione suggeriscono che la percentuale di anziani nella popolazione americana salirà a circa il 20 per cento entro il 2030, da circa il 12 per cento nel 2000. Alcune ricerche indicano che in 10 anni, 50 milioni di americani avranno più di 65 anni e per la prima volta nella nostra storia gli anziani supereranno i bambini di età inferiore ai cinque anni. Ci sono preoccupazioni per un possibile aumento dell’isolamento sociale tra gli anziani, dato che circa un terzo degli anziani vive attualmente da solo.

Fonte:
” Salute pubblica e invecchiamento: tendenze nell’invecchiamento † Stati Uniti e in tutto il mondo. Rapporto settimanale di morbilità e mortalità. 14 Febbraio 2003. Centri per il controllo delle malattie.

Volontariato e benefici del volontariato

Secondo la Corporation for National and Community Service, il volontariato si è mantenuto costante nonostante l’attuale crisi economica, con il 26,2% degli americani che si sono offerti volontari nel 2007 e il 26,4% nel 2008. Il coinvolgimento del vicinato è aumentato drammaticamente dal 2007, con un aumento del 31% del numero di persone che lavorano per risolvere i problemi della comunità. Questa risposta coerente dei volontari alle esigenze locali e nazionali evidenzia i benefici positivi del servizio.

Negli ultimi decenni, gli studi hanno suggerito che il servizio alla comunità non solo produce benefici sociali, ma può anche migliorare la salute di coloro che fanno volontariato. Ciò si manifesta in tassi di mortalità più bassi, una migliore capacità di funzionare nella vita quotidiana e livelli più bassi di depressione in età avanzata. Alcune ricerche indicano che il volontariato può aiutare gli anziani a mantenere un livello di attività più elevato e rallentare il ritmo delle condizioni di salute degenerative. Ad esempio, una maggiore quantità di impegno sociale sembra offrire benefici per la salute mentale. I ricercatori hanno anche scoperto che l’impatto sulla salute del volontariato sembra aumentare con la quantità di tempo dedicato al volontariato. Nel suo primo anno in carica, il presidente Obama ha chiesto di espandere le dimensioni dei programmi sponsorizzati dal governo per incoraggiare il servizio pubblico, così come espandere le risorse fornite dal governo per abbinare gli individui con opportunità di volontariato.

Fonti:
“” Volontariato nella vita media e successiva: la salute è un beneficio, una barriera o entrambi?”Yunqing Li, Kenneth F. Ferraro. Forze sociali. Settembre 2006.
” Volontariato e servizio per la depressione. Il trattamento della depressione funziona.
” The Health Benefits of Volunteering: A Review of Recent Research (PDF). Corporation per il servizio nazionale e comunitario. Aprile 2007.
” Obama firma Volunteer Bill con un cenno all’era Kennedy.”Peter Baker. Il New York Times. 21 Aprile 2009.
” Volontariato in America. Corporation per il servizio nazionale e comunitario. Luglio 2009.

Iniziative di servizio nazionale

Uno dei primi pezzi della legislazione americana sui servizi, approvata nel 1961, fu l’autorizzazione del Congresso del Peace Corps, un progetto proposto dal presidente John F. Kennedy. Pochi anni dopo, nel 1964, il presidente Lyndon B. Johnson iniziò il programma Volunteers in Service to America (VISTA) e altri progetti simili come parte della guerra alla povertà. In anni più recenti diversi presidenti, repubblicani e democratici, hanno lavorato per preservare lo spirito nazionale di servizio e volontariato. In 1990, il presidente George HW Bush ha firmato in legge il National and Community Service Act, che ha autorizzato le sovvenzioni alle scuole per sostenere l’apprendimento basato sui servizi attraverso un programma ora chiamato Learn and Serve America. Durante il mandato del presidente Bill Clinton, il National and Community Service Trust Act ha dato alla luce AmeriCorps e la Corporation for National and Community Service.

Come il più grande produttore di sovvenzioni che supporta il servizio e il volontariato, la Corporation for National and Community Service è stata fondata nel 1993 per gestire tre programmi principali: Senior Corps, AmeriCorps e Learn and Serve America. Tuttavia, la Società è anche attivamente coinvolta nella legislazione che riguarda la partecipazione civica negli Stati Uniti e lavora per collegare le persone alle opportunità di servizio che miglioreranno la vita e rafforzeranno le comunità.

L’amministrazione Obama ha approvato l’Edward M. Kennedy Serve America Act in legge il 21 aprile 2009. La legislazione è il risultato degli sforzi congiunti di Orrin Hatch, un senatore repubblicano conservatore dello Utah con una storia di servizio missionario, e Edward “Ted” Kennedy, che ha servito come senatore del Massachusetts per 46 anni. (Suo fratello John F. Kennedy aveva tenuto la posizione prima di lui. I senatori hanno iniziato a lavorare su questa legislazione nel 2008 e, su richiesta di Hatch, nel marzo 2009 il disegno di legge è stato rinominato per Kennedy, che era gravemente malato al momento e sarebbe presto scomparso, in onore della sua dedizione alla giustizia sociale e dei suoi sforzi per affrontare le questioni che avvantaggiano il popolo americano.

Il disegno di legge si lavora per fornire maggiori opportunità per l’impegno dei cittadini in servizio attraverso l’espansione di AmeriCorps, l’organizzazione creata nel 1993 dall’allora presidente Clinton per consolidare i programmi federali di volontariato, e per aumentare il numero di posizioni di volontariato da 75.000 a 250.000 in otto anni. Il disegno di legge aumenta anche la quantità di denaro riservato per gli stipendi di istruzione e crea premi educativi che gli studenti volontari possono utilizzare per pagare per il college. La legislazione include un fondo per l’innovazione sociale che riafferma il lavoro della Società per il servizio nazionale e comunitario. Questo fondo consente alle fondazioni senza scopo di lucro e alle parti interessate del settore privato di lavorare a fianco del governo in uno sforzo congiunto per affrontare questioni urgenti come “energia pulita, efficienza energetica, assistenza sanitaria, istruzione, opportunità economiche, veterani e famiglie militari.”In definitiva, le iniziative sotto il Edward M. Kennedy Serve America Act lavora verso gli obiettivi più grandi identificati dall’amministrazione Obama di aumentare l’opportunità di servizio e creare una cultura del servizio negli Stati Uniti.

Fonti:
” Senator Edward M. Kennedy. Sito Ufficiale.
” Punti salienti del Edward M. Kennedy Serve America Act. Corporation for National & Servizio alla comunità. 30 Marzo 2009.
” “Edward M. Kennedy Serve America Act.”Il sito del Partito Democratico. 21 Aprile 2009.
“” Senato si muove per espandere i programmi di servizio nazionali.”David M. Herszenhorn.Il New York Times. 26 Marzo 2009.
” Public Policy: National Service and Volunteerism. Settore indipendente.
” Corporation for National and Community Service

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.