Mai pen rai. Tre paroline. Ma cosa significa la frase e perché i thailandesi la usano così spesso? Come molte cose in Thailandia, non è così semplice come sembra. Mai pen rai è spesso tradotto come’ non importa ‘o’va bene’. Mentre a volte può essere utilizzato in quel contesto, mai pen rai va oltre.

Per dimostrare alcuni dei diversi modi in cui mai pen rai può essere utilizzato, ecco alcuni esempi di tutti i giorni utilizzando lo scenario di una visita a un negozio di caffè con un amico thailandese.

Sei il benvenuto

Al bar ordini due caffè ghiacciati. Il proprietario femminile ti porta i caffè e anche un piccolo piatto di biscotti che non avevi ordinato. Il proprietario spiega che i cookie sono gratuiti con ogni ordine oggi. Tu dici, ‘ grazie, che è molto gentile da parte tua ‘e il proprietario risponde con’mai pen rai ka’. Il proprietario sta riconoscendo la vostra cortesia e anche dicendo ‘siete i benvenuti’. Nota l’aggiunta di ka alla fine di mai pen rai per renderlo più educato.

Non importa, non ti preoccupare

Controllando i messaggi di Facebook sul telefono accidentalmente battere il bicchiere e versare un po ‘ del caffè. Chiedi scusa e chiedi un fazzoletto per chiarire il casino che hai fatto, ma il proprietario dice ‘mai pen rai’. Non preoccuparti. Non c’è problema. Non è un grosso problema e facilmente ripulito.

Va BENE, tocca a te

I biscotti ti hanno fatto pensare a cosa mangiare a pranzo. Chiedete al vostro amico se vogliono mangiare khao soi e possono rispondere con ‘ mai pen rai, arai gor dai ‘(‘va bene, tutto va bene’) o possono semplicemente dire,’a voi’. La persona thailandese può o non può avere un particolare cibo in mente, ma preferirebbe comunque che si decide. In generale, i thailandesi non vogliono apparire schizzinosi in queste situazioni e preferirebbero andare con il flusso.

No grazie

Guardi l’ultimo biscotto rimasto sul piatto prima di chiedere al tuo amico: ‘vuoi quell’ultimo biscotto?’Il tuo amico sta cercando di guardare il suo peso e non vuole mangiare più biscotti così risponde con un ‘mai pen rai ka’ che in questo caso equivale a un definito ‘no grazie’. Possono anche rispondere con un ‘mai ao ka’ (‘Non lo voglio grazie’), ma verrà spesso utilizzata una mai pen rai.

Yes please

Ci sono momenti, però, in cui ‘mai pen rai’ usato come un ‘no grazie’ può effettivamente significare, ‘yes please’. È confuso e anche dopo anni trascorsi in Thailandia la sottigliezza può essere facilmente persa. Chiedi al tuo amico, ‘ ti piacerebbe quell’ultimo biscotto?’Il tuo amico sta guardando il suo peso, ma i biscotti sono aroy mak e lei decide che la dieta può aspettare fino a domani. Vuole davvero quell’ultimo biscotto, ma non dice “sì per favore” come ci si potrebbe aspettare. Invece lei risponde con un ambiguo ‘mai pen rai’. È facile interpretarlo erroneamente come un “no grazie” o un “non preoccuparti”, ma in questo caso significa in realtà “sì, per favore”. Il titubante ‘mai pen rai’ dal tuo amico quando gli è stato chiesto se voleva l ” ultimo biscotto era un ‘sì per favore’ che si dovevano prendere su. Perché non dice solo che lo vuole allora, si può chiedere. Ed è una domanda ragionevole, ma questa è la Thailandia e a volte le cose sono fatte in modo diverso. Il tuo amico sa che si consiglia il cookie troppo e non vuole causare argomenti o sentimenti feriti così dà una risposta mai pen rai. Anche se si interpretando il ‘mai pen rai’ come un ‘no grazie’ può solo portare a ferire i sentimenti da parte sua!

Kreng jai

L’uso di mai pen rai fa parte di “Thainess”. Fa parte del tessuto stesso della società thailandese e va oltre la traduzione diretta delle parole. In Thailandia, c’è la tendenza a non dare sempre una risposta diretta a una domanda diretta nel caso in cui i sentimenti di altre persone siano feriti. Allo stesso modo, molti thailandesi non vogliono causare problemi o disagi ad altre persone a causa del concetto tailandese di kreng jai. L’idea di kreng jai aiuta anche a spiegare alcuni dei motivi per cui mai pen rai può essere dato come risposta.

Mai pen rai

Mai pen rai può essere fonte di confusione a volte, quindi non preoccuparti troppo. Nonostante gli anni trascorsi in Thailandia non sempre prendo sul’ sì per favore ‘mai pen rai e talvolta scambiarlo per un’no grazie’. Solo quando ho mangiato l’ultimo biscotto so di aver sbagliato. Ma ci sono state occasioni in cui ho deliberatamente usato la mia ‘farangness’ a mio vantaggio per godermi quell’ultimo biscotto. E poi ho appena sorriso a me stesso e ho pensato, ‘mai pen rai’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.